Telefono +39 335 5290055

Martedì, 31 Maggio 2016 16:23

Accettare l'eredità - Parte 2 -

Vota questo articolo
(0 Voti)

CHE FARE PER ACCETTARE L' EREDITÀ CON BENEFICIO D' INVENTARIOaccetto

Innanzitutto è necessario rivolgersi presso un notaio o presso la cancelleria della pretura competente e fare la dichiarazione di accettazione dell' eredità con beneficio d' inventario (la dichiarazione va fatta entro 10 anni dalla data di apertura della successione o entro il termine fissato dall' autorità giudiziaria).Dopo di ché sarà compito del notaio o del cancelliere inserire la dichiarazione nel registro delle successioni del luogo in cui si è aperta la successione. Dopo la dichiarazione di accettazione con beneficio d' inventario gli eredi devono appunto procedere all' inventario entro 3 mesi. Se l' inventario non viene predisposto entro i 3 mesi previsti dalla legge si perderà il beneficio dell' accettazione con beneficio d' inventario.

Art. 484 Codice Civile

"L' accettazione col beneficio d' inventario si fa mediante dichiarazione, ricevuta da un notaio o dal cancelliere della pretura del mandamento in cui si è aperta la successione, e inserita nel registro delle successioni conservato nella stessa pretura. Entro un mese dall' inserzione deve essere trascritta, a cura del cancelliere, presso l' ufficio dei registri immobiliari del luogo in cui si e aperta la successione......"

Dunque dopo l' accettazione dell' eredità con beneficio d' inventario si può procedere all' inventario che va sempre eseguito da persone esperte.

Se per qualsiasi motivo si è già in possesso di un bene facente parte dell' eredità che si intende accettare con beneficio d' inventario si deve procedere all' inventario entro 3 mesi dalla data di apertura della successione. Se non si procede all' inventario entro questo periodo si diventa eredi a tutti gli effetti, con conseguente impossibilità di separare il patrimonio attivo da quello passivo del de cuius.

Art. 485 Codice Civile

"Il chiamato all' eredità, quando a qualsiasi titolo è nel possesso di beni ereditari, deve fare l' inventario entro tre mesi dal giorno dell' apertura della successione o dalla notizia della devoluta eredità. Se entro questo termine lo ha cominciato ma non è stato in grado di completarlo, può ottenere dal pretore del luogo in cui si è aperta la successione una proroga che salvo gravi circostanze, non deve eccedere i tre mesi. Trascorso tale termine senza che l' inventario sia stato compiuto, il chiamato all' eredità è considerato erede puro e semplice. Compiuto l' inventario, il chiamato che non abbia ancora fatto la dichiarazione a norma dell' art. 484 ha un termine di quaranta giorni da quello del compimento dell' inventario medesimo, per deliberare se accetta o rinuncia all'eredità. Trascorso questo termine senza che abbia deliberato, è considerato erede puro e semplice".

Ovviamente è vietato nascondere o non inserire parte dell' asse ereditario nell' inventario per fare pensare ai creditori che il patrimonio del de cuius ammonti a meno. l' erede che compie questa azione perderebbe il beneficio dell' iventario e verrebbe costretto ad accettare l' eredità compresi i debiti.

LA LIQUIDAZIONE

L' ultima fase è quella della liquidazione, ossia il pagamento dei debiti ai creditori. Qui le cose si in genere si complicano. In questo caso è necessario l' intervento e l' aiuto del notaio che aiuterà l' erede nella vendita dei vari beni per racimolare denaro liquido con cui pagare i creditori.i tempi in genere sono lunghi anche se c'è la buona volontà di tutti e ci sono anche delle spese logicamente che comunque vanno detratte dal patrimonio ereditario.

Accettazione con beneficio d' inventario per minori e interdetti

Fin' ora si è parlato di accettazione dell' eredità con beneficio d' inventario e ho detto che può essere spontaneamente richiesta. Ci sono alcuni casi però in cui si può ereditare solamente col beneficio d' inventario. E' il caso dei minori, delle persone interdette o inabilitate...queste persone possono accettare l' eredità solamente con beneficio d' iventario.Quindi il patrimonio del de cuius che muore lasciando dei figli minorenni o comunque incapaci, prima di essere devoluto deve essere sottoposto ad inventario per tutelare i diritti degli eredi minori o degli incapaci.Il genitore che rimane vedovo con figli minorenni può accettare la sua parte di eredità in maniera pura e semplice ma deve necessariamente recarsi da un notaio e chiedere il beneficio d' inventario per l'accettazione della parte che spetta ai figli minori.

LA PROCEDURA

Il rappresentante legale dei minori (genitore o in mancanza tutore nominato dal tribunale) deve recarsi dal notaio affinché chieda l' autorizzazione del giudice tutelare all' accettazione dell' eredità. Una volta ottenute le necessarie autorizzazioni viene eseguito l' inventario; dopo di ché se non vi sono creditori sull' eredità la stessa viene divisa secondo la legge o se esiste testamento. Se vi sono creditori si procede in primis alla loro liquidazione.

In ogni caso i beni appartenenti ai minori anche se amministrati dal rappresentante legale, potranno essere utilizzati a qualsiasi titolo solo con autorizzazione del giudice tutelare.

Art. 471 Codice Civile

"Non si possono accettare le eredità devolute ai minori e agli interdetti se non con il beneficio d' inventario osservate le disposizioni degli articoli 321 e 375".

Art. 472 Codice Civile

"I minori emancipati e gli inabilitati non possono accettare le eredità, se non con il beneficio d' inventario, osservate le disposizioni dell' art. 394".

Non si possono accettare le eredità devolute ai minori e agli interdetti se non con il beneficio d' inventario osservate le disposizioni degli articoli 321 e 375.

COME E DOVE SI ESPRIME LA VOLONTÀ DI ACCETTARE L' EREDITÀ

Per esprimere la volontà di accettare espressamente l' eredità ci si può rivolgere o alla cancelleria del tribunale competente territorialmente relativamente all' ultimo domicilio del de cuius o presso un notaio che poi trasmetterà l' atto di accettazione al tribunale competente che si occuperà poi di trascrivere alla conservatoria dei registri immobiliari competente il documento.

eredità jpgI COSTI PER L' ACCETTAZIONE ESPRESSA DELL' EREDITÀ

- n° 2 marche da bollo da 16,00 (per verbale e copia da trascrivere)

- n° 1 marca per diritti di cancelleria da euro 7,08

- euro 262,00 da pagarsi attraverso modulo fornito dalla cancelleria, che corrispondono a 168 euro per imposta impotecaria, 64 euro per imposta di bollo e 35 euro per tassa ipotecaria.

L' imposta di bollo è aumentata dal 26/06/2013 ed è passata da 58,48 euro a 64 euro.

 

Letto 1229 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire tutte le informazioni richieste, indicata da un asterisco (*). Il codice HTML non è permesso. Grazie.