Telefono +39 335 5290055

Venerdì, 10 Giugno 2016 15:27

Calcolo Imposte

Vota questo articolo
(0 Voti)

valutazione immobileCALCOLO DELLE IMPOSTE DA VERSARE

  •  Se non si gode dell' agevolazione prima casa: 

La base imponibile su cui calcolare le imposte sarà il valore catastale del nostro asse ereditario. Abbiamo già visto come calcolarlo nella pagina dedicata all' asse ereditario.

Ipotizziamo che la rendita catastale della casa è di 1.000 euro mentre il reddito dominicale del terreno è di 100 euro. Il valore catastale si ottiene moltiplicando questi valori per alcuni coeficienti. Il coeficiente per le case di abitazione è di 126 (ricordo che in questo primo esempio stiamo ipotizzando non prima casa) mentre quello dei terreni è di 112,50.

VALORE CASA = 1.000 x 126 = 126.000 euro

VALORE TERRENO = 100 X 112,50 = 11.250 euro

TOT. VALORE DA DICHIARARE = 137.250 euro

Stiamo facendo l' esempio in cui non si goda di agevolazione di prima casa e quindi le imposte andranno versate per intero. Le imposte da pagare saranno le seguenti:

- imposta ipotecaria 2%
- imposta catastale 1%
- tassa ipotecaria 35 euro
- imposta di bollo 64,00 euro

In base a tali percentuali possiamo calcolarci subito il valore delle imposte che andremo a versare. Quindi avremo:

- imposta ipotecaria: 137.250 x 2% = 2.745,00 euro
- imposta catastale: 137.250 x 1% = 1.372,50
- tassa ipotecaria: 35 euro
- imposta di bollo: 64 euro
- tributi speciali: cifra variabile

Una precisazione per quanto riguarda i tributi speciali è da farsi. Tali tributi infatti possono variare a differenza delle imposte, che sono uguali dappertutto, a seconda dell' ufficio in cui si presenta la dichiarazione di successione. generalmente variabile dai circa 17 euro a circa 50 euro.

Sommando questi valori scopriamo che in soldini totali equivalgono a 4.216,50 euro


  •  Se si gode dell' agevolazione prima casa :

Se invece si gode dell' agevolazione per la prima casa i soldi da sborsare sono molti di meno. Infatti le imposte ipotecaria e catastale, sull' abitazione, non saranno più applicate con la percentuale del 2 e 1 per cento, ma saranno applicate in maniera fissa e più precisamente 200 euro per ciascuna imposta. Le imposte andranno pagate per intero, in base percentuale del 2 e 1 per cento, su tutti gli altri immobili che non rientrano nell' agevolazione e nel nostro caso si trattera del terreno.

Dobbiamo quindi scindere i valori della casa e del terreno per poter procedere. Dopo di che calcoleremo le imposte separatamente.

IMPOSTE SULLA PRIMA CASA

- imposta ipotecaria 200 euro
- imposta catastale 200 euro

TOT. 400 euro per la casa

IMPOSTE SUL TERRENO

- imposta ipotecaria: 11.250 x 2% = 225,00 euro
- imposta catastale: 11.250 x 1% = 112,50 euro

TOT. 337,50 euro per il terreno

Sommando entrambi i valori otteniamo una cifra di 737,50. Ci manca ancora qualche decina di euro da sommare e cioé la tassa ipotecaria di 35 euro e l' imposta di bollo di 64 euro. In totale avremmo una spesa per imposte di euro: 836,50.

Questa è la cifra che si spende se si gode dell' agevolazione. La differenza è sostanziale perché trattasi di circa 3.400 euro in meno.

Per compilare il modello F23 dobbiamo sommare le varie imposte della casa e del terreno, in quanto nel modello non vanno distinte.

- imposta ipotecaria: 200 + 225 = 425,00 euro
- imposta catastale: 200 + 112,50 = 312,50
- tassa ipotecaria: 35 euro
- imposta di bollo: 64 euro
- tributi speciali

Preciso che l' imposta di bollo è aumentata dal 26/06/2013, passando dai 58,48 euro agli ancora attuali 64 euro.

Letto 1060 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire tutte le informazioni richieste, indicata da un asterisco (*). Il codice HTML non è permesso. Grazie.