Telefono +39 335 5290055

Mercoledì, 01 Giugno 2016 16:22

Conti correnti e risparmi del decuius

Vota questo articolo
(0 Voti)

risparmioCapita spesso che colui che muore fosse intestatario di conti correnti, libretti di risparmio, assicurazioni, fondi immobiliari ecc..vediamo di capire nel dettaglio di cosa si tratta;

CONTO CORRENTE DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE:

Anche i conti correnti, libretti di risparmio ecc. fanno parte dell'attivo ereditario. Una volta che la banca ha notizia della morte del proprio cliente, provvede al blocco del conto e quindi non potranno essere effettuati dei movimenti.La cifra esistente sul conto o sul libretto dovrà comparire all'interno della denuncia di successione.

RICEVIMENTO DI BONIFICI:

Se dopo la morte del de cuius dovessero pervenire dei bonifici a suo favore la banca dovrà lasciare la somma a disposizione del patrimonio ereditario. In seguito si potrà stabilire se tali cifre andranno o meno ad aggiungersi effettivamente alla massa ereditaria.

ASSEGNI BANCARI, CARTE DI CREDITO:

Gli assegni emessi dal cliente prima della morte vengono comunque pagati dalla banca e addebitati sul conto. Se colui che muore era in possesso di carte di credito, le stesse verranno ritirate e bloccate.

IL LIBRETTO DI RISPARMIO

La cifra esistente al momento del decesso, farà parte della massa ereditaria, e quindi sarà da dichiararsi in denuncia di successione.

LIBRETTO DI RISPARMIO AL PORTATORE:

Nel caso di libretto al portatore lo stesso può essere trasferito semplicemente consegnandolo ad un'altra persona.Chiunque abbia in mano il libretto è autorizzato ad effettuare prelievi. Nel libretto di risparmio al portatore la banca conosce solo il cliente che ha aperto il libretto, ma non sa chi ne sia in possesso.La morte del cliente che ha aperto il libretto è quindi irrilevante per la "continuità" del libretto stesso, dato che egli lo avrebbe potuto dare ad altri quando era ancora in vita.

Per questo i libretti al portatore entrano a far parte della massa ereditaria solo nel caso in cui al momento della sua morte essi siano stati in possesso del defunto o siano depositati a suo nome presso terzi (ad es. nel deposito titoli o in una cassetta di sicurezza presso una banca).

TITOLI E BUONI FRUTTIFERI:

I titoli rientrano a far parte della massa ereditaria e quindi sono soggetti all'imposta di successione esclusi i titoli di Stato. Gli eredi possono decidere anche di lasciare i titoli nella proprietà comune e di gestirli nel deposito titoli della comunione ereditaria. Anche i buoni fruttiferi postali vengono considerati come i titoli di stato pertanto anche questi non sono soggetti all' imposta di successione.

FONDI DI INVESTIMENTO:

I fondi d'investimento, spesso vengono solo commissionati dalle banche, mentre la gestione vera e propria spetta alla società di gestione. In questi casi la procedura di successione, vale a dire il trasferimento delle quote dei fondi agli eredi legittimi, avviene direttamente presso la società di gestione. In generale la banca, in qualità di intermediario, provvede alla raccolta ed all'inoltro dei documenti e delle firme necessarie.

CASSETTE DI SICUREZZA:

Se colui che muore era in possesso di una cassetta di sicurezza la stessa non può essere aperta se non con il consenso di tutti gli eredi legittimi.Il contenuto della cassetta di sicurezza rientra nella massa ereditaria

ASSICURAZIONI:

Liquidazioni di assicurazioni sulla vita agli eredi non fanno parte della massa ereditaria. Le assicurazioni sono contratti tipici stipulati a favore di terzi. Benché tali liquidazioni siano direttamente legate alla morte dell'assicurato, esse vanno tuttavia ai beneficiari stabiliti per contratto. Non si tratta quindi di una fattispecie rilevante ai fini dell'eredità, in quanto agli eredi non vengono trasferiti diritti del defunto.

Diversa è la situazione quando si tratta di PRESTAZIONI ASSICURATIVE, come ad esempio pagamenti a titolo di risarcimento di danni all'assicurato stesso, liquidati quando ancora era in vita. Tali pagamenti costituiscono una normale voce dell'attivo della massa ereditaria.

LIQUIDAZIONE:

Dopo che si sono espletate tutte le varie pratiche, la banca può pagare le quote ai vari eredi relativamente ai crediti disponibili, che in precedenza appartenevano al de cuius.Affinché la banca possa effettuare la liquidazione è necessaria la firma di tutti gli eredi aventi diritto. La banca può liquidare anche ad un curatore che deve essere nominato dagli eredi.

Letto 1940 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire tutte le informazioni richieste, indicata da un asterisco (*). Il codice HTML non è permesso. Grazie.